Diego Bianco

 


                                                                    Cala la sera

Il sole alto in un cielo terso.

Gli uccelli con il loro cinguettio,

rallegrano l’aria.

Aria di una calda estate, torrida.

Il giorno si ripete.

Pian piano il sole fa il suo percorso.

Arriva li ad abbracciare il mare,

dove una sottile linea,

unisce il cielo con il mare.

Li dove muore il giorno,

nel caldo abbraccio del sole.

Dove il sole riposa

e lascia spazio alle ombre della sera.

Nella speranza di un giorno……..

migliore.

Diego Bianco 
 

I segreti del mare

Il mare........

con i suoi silenzi,

i suoi rumori,

la sua rabbia.

Impetuoso, irascibile, calmo.

Il mare d’inverno

urla e biancheggia.

Tempestoso, si affaccia alla riva

spumeggiante e forte.

Come se volesse 

dichiarare il suo grande amore

alla spiaggia, colei che

riesce a placarlo.

Irrompe sciogliendosi

poi, in una dolce carezza.

Il mare.........

nasconde gelosamente

i suoi segreti,

gli amori vissuti,

gli amori finiti e caduti

negli abissi.

Là dove nessuno potrà mai vedere,

perché lui solo ne sarà il custode.

Il mare..........,

testimone di tante avventure,

culla di tanti innamorati,

romantico con le sue dolci 

risacche.


Diego Bianco


                        

     


                                                                  Tramonti

Avanza la sera 

di un giorno d'estate.

Da lontano, tra foschie di nubi, 

guardi il mare pacato 

nel movimento della marea. 

Un leggero soffio di maestrale 

fa danzare fronze di alberi 

intorno a me. 

Il sole pian piano scivola 

tra le ali del tramonto, 

celato da nubi ovattate. 

Le cicale intonano le loro note 

come su archi di violoncello. 

Tutto è magico. 

Tutto è romantico.

Il cielo pian piano si tinge 

dei colori dell'amore.

Dolci pensieri di teneri amanti, 

spiccano il volo come 

candide tortorelle. 

Il giorno finisce tra le 

braccia della notte. 

La notte che custodisce 

gelosamente i sogni 

degli innamorati.

Diego Bianco 

    









L’ANIMA

Volgea il suo sguardo verso
l’orizzonte dei sogni.
Il suo aureo viso si
illuminava di immenso
e dagli argentei occhi
l’anima fuggiva,
verso quel posto 
a lungo anelato.
Ora la sua anima,
libera, incontra il suo sogno.
Di quel sogno mai si è saziata.
È la sua felicità, la vera appagata.
È amore. Di lui si nutre.



LEI

E poi, come un sogno,
si affacciò sull’uscio della stanza.
Avea i capelli arruffati
il viso raggiante
odorava di rosa.
Era come un fiore
che apre i suoi petali
alle prime gocce di rugiada.
Era come un fiore risvegliato
dai raggi di un timido sole
alle luci della prima alba.
Un miracolo di vita
la sua bellezza.
Chinava dolcemente il capo
e con gli occhi mi parlò.
Li, era li.....................
Icona di un mondo fatato.


AMARTI ANCORA

Sono solo 
avvolto nel nulla,
chiudo gli occhi 
e rivivo la nostra favola.
Quella che è stata un tempo,
averla ancora.........
e con te accanto.
Ho bisogno di te,
ho bisogno di respirarti,
ho bisogno di sentir battere 
il tuo cuore nelle mie mani.
Ascolta l’incantesimo di queste parole 
e vivi con me la magia di amarti.....
Ancora...................


AMORE E ANIMA
Andò sui prati a rimirar
il miracolo della natura.
Nella fierezza di una dea
volse il suo sguardo ad ovest
dove il sole, con la sua rossastra aurea,
pian piano si adagiava,
timido, sul viale del tramonto
dove lui stesso, per amore, muore
per dar vita alla sera.
Quel sole le baciava il dolce viso
accarezzato da un tenue vento.
Affascinata guardava l'orizzonte.
I suoi dolci pensieri,
come petali di soffione al vento,
volavano verso quel sole
ad ovest, dove la sua anima
trovava il suo amore.
Amore e anima…………
Era lì. Bella e fiera



IMMAGINE
C'era il sole.
Poche nubi ovattate
adornavano il cielo
e una leggera brezza soffiava.
Il sole le baciava il viso
e la brezza la carezzava
mentre, dolcemente, scompigliava
la sua splendida chioma.
Accennava appena il sorriso
che, timido, si affacciava
dalle sue bellissime labbra.
Lei come una dea davanti
ai miei occhi si pose.
Il suo corpo sinuoso
esprimeva la sua femminilità.
Fiera, nella sua imponente bellezza,
mi guardò.
Mi sentii rapito dal suo sguardo.
Ne rimasi affascinato.
Era lì, immagine dell'amore.
Era lì, affascinante e bella.
Era lì, cresceva il mio ardore
per lei.



AGOSTO 
Era una sera d'agosto.
Una spiaggia di un bellissimo posto.
Seduti in riva al mare
ed i piedi in acqua.
La sua mano nella mia,
silenziosi ad ascoltare,
quel dolce mormorio
di un mare calmo
e dove il sole, nei tenui colori
di un romantico tramonto,
si riflette.
Meraviglioso il mare d'agosto
nel suo tepore e calma.
Con i dolci rumori delle risacche
che cullano i pensieri.
Quei pensieri leggiadri 
che si librano liberi
verso orizzonti felici.
In quegli orizzonti
dove, le emozioni, li attendono
per diventare felici realtà.
Quelle realtà
che, fino a quel momento,
esistevano nei sogni romantici
di giovani innamorati
ed a lungo anelati.




Nessun commento:

Posta un commento

Bruno Gentile

Bruno Gentile

Translate

Pensiero

Chi ha le ali per volare in cielo, non deve camminare sulla terra!
Anna Maria Gentile

La foto di una tua opera qui

Per l'inserimento della foto di una tua opera in questo spazio con il link al tuo sito o profilo social, invia una email a:
salastampa@giallo.it