Roberto Lasco

Roberto Lasco

Inno a Martucci                  

Con animo vinto da gioia e passione,

siam pronti o Martucci noi del Gonfalone.

In coro intoniamo un inno d’amore,
a te capuano di grande valore.
Della tua nobile arte facciamo tesoro,

portando il vessillo ogni dì con decoro.

I nostri strumenti in Chiesa accordiamo
e musica d’insieme in tuo onore suoniamo.

 Il la aspettiamo che arrivi dal Cielo,

dallo spirito illustre del capuan direttore.

Con animo vinto da gioia e passione, 

siam pronti o Martucci noi del Gonfalone.

Nutriti d’orgoglio e dei tuoi ideali,
nel Chiostro glorioso spieghiamo le ali. 

Siam fieri ogni giorno e suoniamo le note, 

dove un tempo pregavan le genti devote.
Al contempo pianista e compositore,
ti sei prodigato o gran direttore!
Ancor oggi in tuo nome mostriamo l’ardore, 

rapiti e ammaliati dal tuo dolce rigore.

Con animo vinto da gioia e passione,

 siam pronti o Martucci noi del Gonfalone.

Sentiam sempre viva la musica cara,
che vibra nell’aria e si fa semiseria.
Con premi, trofei e corone d’alloro, mostriamo

 il prodigio che vibra sonoro. 

Nell’orchestra del capuan liceo musicale, 

suoniamo e cantiamo l’amor martucciano,

 che armonizza gli accordi nell’inno sovrano.

Con animo vinto da gioia e passione, 

siam pronti o Martucci noi del Gonfalone.


L’inchiostro dell’anima

 

 

 

Macchio il mio io errante

con l’inchiostro dell’anima.

Contemplo la vena creativa, 

che s’infrange nei flutti remoti

di un mare tempestoso

e sfido in un duello d’amore

l’estro armonico e virile,

che s’inoltra con incedere elegante

nell’universo affranto,

costretto a vagare nell’ignoto

in attesa di una catarsi travolgente,

che cede il posto agli allori voluttuosi,

di una magica notte d’estate.



Luce di donna

 

 

Vestita di luce e di speranza

ti elevi sull’etereo altare,

perché votata a sfiorare l’Empireo.

Pronta ad ogni umana vicissitudine,

non ti sottrai al calpestio

di terre contaminate 

dal perfido inganno,

d’un immane travaglio,

che logora inesorabilmente

l’ineluttabile e timoroso silenzio

e mette a dura prova

i brillanti raggi

della tua vituperata esistenza.

  


Roberto Lasco

Roberto Lasco è nato a Marcianise il 2 maggio 1967 e risiede a Capua dal 1996. Docente di Filosofia e Storia presso il Liceo “Luigi Garofano” di Capua , ha pubblicato nel 2016 in self-publishing , in formato cartaceo e in e-book , la silloge poetica “Frammenti lirici” e nel 2018 il romanzo “Oltre quel muro...il Cielo” con la casa editrice digitale Youcanprint di Tricase (Lecce). In occasione delle celebrazioni del 50° anniversario della morte di Antonio De Curtis: (Totò), Principe, Maschera, Poeta, ha ricevuto il 3 maggio 2017, a Roma, presso la Nuova Aula dei Gruppi Parlamentari della Camera dei Deputati il primo premio sezione poesia alla XX edizione del “Concorso Internazionale Artistico Letterario Antonio De Curtis:Totò”.

Il 25 maggio 2019, a Porto Ercole (GR), gli è stata conferita la Menzione d’onore per il Romanzo “Oltre quel muro...il Cielo” al Concorso Letterario Argentario 2019 “Premio Caravaggio”.
Nel 2020 ha pubblicato la seconda silloge poetica, ovvero “Gocce di rugiada” e l’edizione didattica del romanzo “Oltre quel muro... il Cielo”, sempre con la Casa Editrice Youcanprint. Nello stesso anno è stato cofondatore dell’Enciclopedia poetica online “Wikipoesia”.

Nessun commento:

Posta un commento

Bruno Gentile

Bruno Gentile

Pensiero

Chi ha le ali per volare in cielo, non deve camminare sulla terra!
Anna Maria Gentile

restate informati

EUROARTE

EUROARTE
per inserimenti:salastampa@giallo.it

La foto di una tua opera qui

Per l'inserimento della foto di una tua opera in questo spazio con il link al tuo sito o profilo social, invia una email a:
salastampa@giallo.it